Comitato regionale

IMG_5209

Statuto Agesci: Art. 37 – Comitato regionale: compiti e composizione

Sono compiti del Comitato regionale:
a. coordinare l’attuazione delle attività ordinarie istituzionali, di quelle derivanti dal Programma e delle eventuali attività straordinarie, comprese quelle delle Branche e dei Settori, riferendone al Consiglio ed all’Assemblea regionali;
b. organizzare gli eventi del percorso formativo dei soci adulti previsti per il livello regionale;
c. curare i rapporti istituzionali con gli organismi civili ed ecclesiali di riferimento della regione;
d. proporre alla competente autorità ecclesiastica la nomina dell’Assistente ecclesiastico regionale;
e. redigere i bilanci da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea regionale e vigilare sull’andamento gestionale ed amministrativo della Cooperativa che opera nella regione;
f. curare i rapporti con i Comitati di Zona, anche al fine di garantire che adempiano ai loro mandati;
g. curare l’ordinaria amministrazione e deliberare in merito agli atti ed alle decisioni di straordinaria amministrazione nel rispetto delle disposizioni contenute nel presente Statuto e nel Regolamento;
h. nominare i capi campo, gli assistant e gli Assistenti ecclesiastici dei CFT, dei CFM e dei CAM su proposta degli Incaricati regionali di Formazione capi;
i. nominare i capi campo degli eventi per soci giovani su proposta degli Incaricati regionali al Coordinamento metodologico.

Il Comitato regionale è composto da:
• una Responsabile ed un Responsabile regionali;
• un Assistente ecclesiastico regionale;
• da tre a sei capi che assumono gli incarichi:
1. della Formazione capi;
2. dell’Organizzazione;
3. del Coordinamento Metodologico.

Il Comitato regionale si riunisce in forma allargata almeno tre volte all’anno con gli Incaricati regionali alle Branche e, quando lo ritiene necessario, con gli Incaricati regionali nominati. Alle riunioni del Comitato regionale in forma allargata gli Incaricati regionali alle Branche partecipano con diritto di voto.

Art. 38 – Comitato regionale: Incaricati nominati e pattuglie

Il Comitato regionale nomina, sotto la propria responsabilità, scegliendo tra i capi e i capi temporaneamente non in servizio della Regione:
a. un’Incaricata/o alla comunicazione;
b. un’Incaricata/o alla Protezione civile;
c. eventuali Incaricate/i finalizzati a compiti specifici.
Il Comitato regionale affida agli Incaricati nominati appositi mandati in relazione al Programma. I Responsabili e gli Incaricati regionali possono avvalersi della collaborazione di pattuglie permanenti o temporanee, che nominano sotto la loro responsabilità.

Regolamento Agesci: Art. 17 – Regione: dettaglio dei compiti del Comitato regionale

Nell’ambito dei compiti assegnati dallo Statuto, il Comitato regionale:
a. coordina le attività delle Branche e dei Settori garantendo l’unitarietà della realizzazione del Programma regionale, del Progetto regionale e dei mandati ricevuti;
b. promuove la comunicazione tra i soci adulti della Regione, anche a mezzo di propria stampa.
Il Comitato regionale si riunisce in forma allargata agli Incaricati regionali, come previsto dallo Statuto, per:
• elaborare i Programmi da proporre al Consiglio regionale e verificarne periodicamente l’attuazione;
• individuare gli ambiti educativi e metodologici prevalenti su cui intervenire;
• verificare ed aggiornare i mandati affidati;
• predisporre contributi per l’elaborazione del Progetto regionale.

 

Responsabili Regionali

Silvia Cisotto
Marco Fontana

rr@piemonte.agesci.it

Incaricati alla Formazione Capi

Valentina Monticone
Gianpiero Francaviglia

foca@piemonte.agesci.it

Incaricati all’Organizzazione

Alice Arpaia
Flavio Vigliani

iro@piemonte.agesci.it

Incaricati al Coordinamento Metodologico

Giuliana Bottignole
Raffaele Casi

icm@piemonte.agesci.it

Assistente Ecclesiastico

don Massimo Lovera

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrPin on PinterestShare on Google+Email this to someone